Cultura

Il variegato impianto urbano di Gandino presenta, tra le altre peculiarità, una notevole presenza di edifici sacri che costellano la pianta del borgo e circondando il maggiore di essi: la Basilica dell’Assunta. Tali chiese sono dette, secondo il gergo canonico, sussidiarie e furono erette in varie epoche comprese tra il…
Il nome “del Suffagio” con cui tutti i gandinesi ricordano questa chiesa è legato alla presenza dell’altare dei morti e al culto dell’Addolorata, ma in verità la chiesa (che si trova in fondo al sagrato della Basilica) è dedicata a S.Maria Nascente. Ogni anno a settembre viene esposto il simulacro…
Il convento, che sorge in località Ruviali (ad Ruviales) e che oggi ospita la Casa di Riposo, venne costruito nell’ultimo trentennio del secolo XV per i frati minori osservanti della Regola di San Francesco. Grazie alle generose donazioni di privati e al non meno generoso legato del condottiero Bartolomeo Colleoni,…
Il “Giardino del Mais” ospita la riproduzione (a grandezza naturale) di una dei diciassette monoliti appartenuti alla civiltà precolombiana degli Olmechi e conservati presso il Museo de la Venta di Villahermosa in Messico. Il calco originale fu autorizzato dal governo messicano nel 1992 in occasione del quinto centenario della scoperta…
L’impianto planimetrico dell’antico nucleo urbano di Gandino è quello medioevale, anche se la maggior parte degli edifici è successivo a tale epoca. Le vie tortuose, una volta interrotte da porte interne, e gli slarghi delle piazze dominate da monumenti significativi caratterizzano fortemente questa cittadina. In una di queste piazze, detta…
La Tintoria degli Scarlatti di Prat Serval, oggi piccola cascina all’imbocco della strada verso Valpiana, era un tempo deputata alla tintura del pregiato “scarlatto di Gandino”, un rosso acceso che affascinò anche Garibaldi. Qui furono infatti tinte le camicie rosse dei Mille, partiti da Quarto nel 1860. Un episodio ritornato…
La Ciodera Torri è probabilmente l’ultimo edificio industriale di questo tipo ancora esistente in Italia. Fu utilizzato fino a qualche decennio fa per la stesura e l’asciugatura dei panni lana di cui Gandino fin dal 1400 era produttore fiorente. E’ stato recuperato per uso espositivo e didattico nel 2012. Dopo…
第2页 共2页

Facebook Fan Page

 
 

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere sempre aggiornato sugli eventi e le novità del territorio!
Please wait

VISITA IL SITO WWW.MAIS-SPINATO.IT

il mais spinato di gandino

banner valseriana

banner valseriana tablet